Immagine principale

Il Sestiere di Cannaregio

Il sestiere di Cannaregio è il sestiere  più popolato di Venezia ed e il più esteso dopo quello di Castello.

 

E' situato a nord del Canal Grande fra il sestiere di Castello e quello di Santa Croce al quale è collegto tramite il Ponte degli Scalzi.

 

Nel corso del XIX secolo il sestiere di Cannaregio vide la realizzazione della stazione ferroviaria di Santa Lucia, punto d'arrivo del ponte ferroviario che collega Venezia alla terraferma, e la costruzione, in corrispondenza della stazione, del terzo ponte sul Canal Grande: il Ponte degli Scalzi.

 

La sua principale via acquea è il Canale di Cannaregio che collega il Canal Grande con la laguna ed è attraversato dal Ponte delle Guglie e dal Ponte dei Tre Archi. Può essere interessante effettuare un giro in vaporetto e gettare uno sguardo panoramico.

 

Intorno alla derivazione del suo nome ci sono diverse ipotesi. La più accreditata fa derivare il nome dalla vasta area lagunare su cui è sorto: zona paludosa e ricca di cannetti quando ancora era disabitata.

 

Storicamente noto come una delle zone più povere e meno raccomandate della città, fu riscoperto come area di peculiare fascino veneziano che non ha perso le sue connotazioni popolari.

 

Dalla via principale del sestiere, nota come Strada Nova , interessante luogo di passaggio ricco di locali, bar, negozi e ristoranti, una serie di "Sotoporteghi" conduce alle strette calli che si infilano tra i palazzi   in suggestivi  spaccati di quello che era l'antico quartiere, con angusti pertugi in cui non passa mai il sole.

 

Attualmente meta di molti visitatori, qui sorge, occupando una vasta area, il Ghetto di Venezia nato  per ospitare la comunità ebraica, come stabilito dal governo della Serenissima col decreto del 1516.

 

DA VEDERE per importanza storica ed artistica:


- La Ca' D'Oro: il più noto edificio sul Canal Grande, col suo magico merletto marmoreo.

 

- Chiesa della Madonna dell'Orto: nota per la statua della Vergine ritenuta miracolosa, è un magnifico esempio di architettura gotico veneziana.

 

- Chiesa di Santa Maria Assunta: detta anche Chiesa dei Gesuiti, ospita importanti opere di Tintoretto, Tiziano e J.Palma il Giovane.

 

- Chiesa di Santa Maria dei Miracoli: ricco di bellezze artistiche, fu uno dei primi edifici veneziani in stile rinascimentale.

 

- Chiesa di Santa Maria di Nazareth: detta anche Chiesa degli Scalzi, deve la sua origine all'insediamento dei Carmelitani scalzi nella città lagunare. Conserva affreschi di G.Tiepolo e fu qui tumulato l'ultimo doge di Venezia, Lodovico Manin.

 

- Chiesa di Sant'Alvise: tra le opere d'arte conserva capolavori di G.Tiepolo, L.Bastiani, Pietro Antonio Torri e Pietro Ricci.

 

- Chiesa di San Giobbe:  ad abbellirne l'interno opere del grande scultore Pietro Lombardo.

 

- Chiesa di San Marcuola: affacciata sul Canal grande, offre, come sua opera principale, L'Ultima Cena di J.Tintoretto, oltre a una vasta collezione di statue dello scultore Gaetano Susali.

 

- Chiesa di Santa Fosca: si affaccia sul campo omonimo, di fronte al monumento dedicato al frate Paolo Sarpi.



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.