Immagine principale

Venezia che Spera. L'Unione all'Italia (1859-1866)

Il Museo Correr presenta una mostra dedicata alla Celebrazione per i 150 anni dell'Unità d'Italia, in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia e il Comune di Venezia.

 

Venezia che Spera espone più di 200 opere tra dipinti, ritratti, monete, medaglie, foto, foto d'epoca, esempi di cartografia pre-unitaria, disegni, manifesti e tanto altro ancora risalenti all'epopea risorgimentale veneziana.

 

La mostra al Museo Correr, curata da Giandomenico Romanelli e Camillo Tonino, è divisa in cinque sezione (Venezia che Spera - L'Austria a Venezia, Venezia nei documenti fotografici dell'epoca - L'Attesa - Venezia all'Italia ) e suddivisa sui due piani del Museo.

 

Questa splendida mostra veneziana dedicata all'Unità d'Italia rievoca ed illustra come la città lagunare di Venezia visse ed affrontò, negli anni dal 1859 al 1866, il passaggio dal dominio austriaco alla terza Guerra d'Indipendenza, che segnò l'entrata a far parte del Regno d'Italia.

 

Una Mostra di grande interesse storico culturale interpretata da grandi artisti della fotografia, della pittura e didattici da non perdere.

 

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA

VENEZIA CHE SPERA. L'unione all'Italia (1859-1866)

Museo Correr 16 marzo - 29 maggio 2011 - Venezia

Ingresso con l’orario e il biglietto del museo: fino al 31 marzo 10-17 (biglietteria 10-16); dal 1 aprile 10-19 (biglietteria 10-18)

catalogo Marsilio

 

Informazioni

www.museiciviciveneziani.it

[email protected]

call center 848082000 (dall’Italia) +3904142730892 (dall’estero)

 

Servizi di Prenotazioni

www.museiciviciveneziani.it

call center 848082000 (dall’Italia) +3904142730892 (dall’estero)

Fonte:

Fondazione Musei Civici Veneziani



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.