Categorie

Tag più utilizzati

Archivio mesi

 

CARNEVALE DI VENEZIA: VENERDI’ “ A TUTTA CULTURA”

Immagine principale

Il calendario di mostre, incontri, rappresentazioni teatrali in programma Venerdì 5 febbraio 2016

 

Prosegue, venerdì 5 febbraio 2016, il ricco palinsesto di eventi culturali del Carnevale di Venezia.

 

 Nel salone del Museo Diocesano di Santa Apollonia, “Fabrica Ecclesiae”, ( ore 16.00), mostra-installazione  che attraverso una esposizione di opere e oggetti spiega l’articolata natura delle arti che si intrecciano e si affiancano nella costruzione e nella conservazione delle chiese. Fra le opere presenti alcuni preziosissimi oggetti e opere d’arte presentate in esclusiva come la pala di Tintoretto “Il Redentore fra San Gallo e San Marco” che non viene esposta da quasi trent’anni. Alle 16.00 incontro su l’arte degli orafi, oreficeria sacra con Gianluca Bastianello e Silvia Pichi.

 

A Cà Rezzonico, ore 17.30 e 19.30, Women in love ovvero le donne di Shakespeare, rappresentazione teatrale con testi e regia di Giuseppe Emiliani. Nel 400° anniversario della morte di William Shakespeare ambientato nelle stanze di uno dei più bei palazzi storici veneziani sarà possibile, per lo spettatore, essere coinvolto in una dinamica e vivace partitura di parole e situazioni che svelano aspetti insoliti di varie eroine shakespeariane in preda alle loro avventure o disavventure amorose.

Al Teatro Goldoni, ore 16.00, nel foyer, Spettacoli di marionette e burattini sul tema “I tre porcellini” di Mauro Pagan, mentre all’Ateneo Veneto, ore 18.00, “Il legno si fa musica”, concerto-laboratorio con esibizione di liuteria, a cura del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.

 

La Peggy Guggenheim dedica un fitto calendario di presentazioni in italiano ed in inglese. Questo il calendario quotidiano: 11.00 Arti e mestieri nella Collezione Guggenheim: l’avanguardia della tradizione 12.00 Peggy Guggenheim, collezionista e mecenate 15.30 Postwar Era: Una storia recente. Omaggi a Jack Tworkov e Claire Falkenstein 16.00 Peggy Guggenheim, collezionista e mecenate 17.00 Arti e mestieri nella Collezione Guggenheim: l’avanguardia della tradizione.

 

Visite guidate gratuite ( 14.30,15.00 e 15.30) alla scoperta delle meraviglie del Palazzetto Bru Zane che vanta affreschi di Sebastiano Ricci e stucchi di Abbondio Stazio e Andrea Pelli.

 

Alla Fabbrica del Vedere di Cannaregio, ( orario 17.00 – 19.00)  Eppur …si vede!” – Venezia e l’ottica. Ricordando Galileo Galilei, una mostra ricca di vedute prospettiche, lanterne magiche, illusioni ottiche, documenti, che pone al centro una riflessione sull’uso del cannocchiale con cui lo scienziato scrutava la superficie lunare. Tra gli oggetti presenti alcune anamorfosi sei–settecentesche, un caleidoscopio e i vetri lavorati da Romano Zen l’ultimo ottico fabbricatore veneziano.

Alle 18.00 concerto all’Ateneo Veneto con musiche di Galilei.

 

Dedicata alle bambole tradizionali rumene in varie forme e dimensioni, la mostra “Mitologie Tessili  dell’artista romena Ana Ponta”  ( orario 10.00-13.00 e 15.00-18.00) alla Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia. Ogni bambola è realizzata a mano ed è un pezzo unico. L’artista riesce a portare alla realtà attraverso burattini, un mondo magico, svariato ed emozionante. Ana Ponta opera in varie direzioni: arte, grafica, costumi , oggetti di design.

 

Nello Spazio Badoer, San Giovanni Evangelista (Ore 09.00 – 17.00), La Calunnia: La gondola dei folli, rassegna d’arte contemporanea veneziana a cura dell’associazione Call’Art,  dedicata alla memoria del celebre basso bulgaro Boris Christoff. Curata dal critico d’arte Gabriele Romeo,  la mostra presenta rivisitazioni nei ritratti giullareschi di autori del passato come Alfieri, Casanova, Goldoni, Piscopia, con l’elemento caratteristico della costruzione in polionda di una gondola puzzle. Tra i testimonial artisti del calibro di Luciano Bellet, Lazlo Licata, Gianmaria Potenza.

 

Alla Casa dei Tre Oci (ore 10.00 – 18.00) “Tre Oci - Tre Mostre”, percorso di ricerca articolato su più livelli che propone un percorso visivo di confronto tra i linguaggi contemporanei e la grande tradizione della fotografia veneziana. Al pianterreno  il programma espositivo del Circolo Fotografico La Gondola si articolerà in tre sezioni, curate da Manfredo Manfroi:  Lo specchio di Alice, intende trattare il potere dell’immagine fotografica di “oltrepassare” se stessa come nello specchio di Alice; Nero Su Bianco compendio delle tendenze espressive della fotografia italiana nel decennio 1950-1960, con le celebri immagini di Sergio Del Pero, Mario Giacomelli, Paolo Monti, Fulvio Roiter; ed  una stanza è dedicata alle vincitrici della lettura portfolio Sguardi Femminili del 2015: Francesca Cesari con il lavoro In the room, Monia Perissinotto con Istanbul, Caterina Burlini con Flora. Nei saloni del piano nobile, la mostra Visions of Venice, curata da Alessandro Luigi Perna: 75 immagini di Venezia (dal piccolo al grande formato) realizzate da Roberto Polillo nell'ambito di un progetto personale pluriennale dedicato alla città, ritratta come un luogo dell'anima, eterno e magico.Al secondo piano la mostra, a cura di Renato Corsini, di Giulio Obici, Il flâneur detective(titolo tratto dalla raccolta di racconti edita postuma, nel 2015, da Marsilio Editori). 

 

L’artista inglese Tiril, che lavora su tela, carta e tavola in tutte le dimensioni utilizzando tecniche diverse è ospite di una personale a Palazzo Loredan ( orario 11.00 – 19.00).

 

Presso la sede dell’Associazione Culturale Le Colonete si tiene, apertura ore 16.00, una mostra collettiva di pittura sul tema del Carnevale.

 

Di scena al Telecom Future Centre ( 10.00 – 18.00) la mostra etnografica “Femminilita’ e decorazione” del Museo Nazionale del villaggio Dimitrie Gusti di Bucarest, a cura dell’Istituto Romeno di Cultura umanistica di Venezia, e alle 18.00 lo spettacolo “La fiaba dei vasi di vetro” con protagoniste delle bottiglie che vogliono rappresentare i tipi della Commedia dell’Arte.

 

Alla Venice Art House , (ore 11-13 , 14-19)  “Behind the Mask – Semel in anno licet insanire”, mostra collettiva internaizonale di arte contemporanea che indaga il rapporto di finzione e realtà tra maschera e l’Io.

 

All’ Archivio di Stato di Venezia, prosegue “Strada facendo ovvero delle botteghe e dei mestieri”. La mostra, (Orario 10.00-13.00)  con visite guidate al percorso e ai depositi monumentali, ripropone il tema del Carnevale, individuando alcune botteghe veneziane e soffermandosi sulla loro arte.

 

Ufficio Stampa Carnevale di Venezia 2016

Tel: 0415229035

Email: [email protected]

Website: http://www.carnevale.venezia.it/

Telecom Italia Future Centre

Campo San Salvador 4826, Venezia

Fabrizio Conte  Tel: +39 3319890556

Sabino Cirulli      Tel: +39 3492165175

Sebastiano Giorgi    Tel: +3355941372

Raffaele Rosa    Tel: +39 3384855430

 



Photo album

Spazio Badoer Fabbrica del VedereFabbrica del VedereMitologie TessiliMitologie Tessili TIRILTIRIL

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.

Dicembre 2019

«««   »»»
DomLunMarMerGioVenSab
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Pagine più viste