Categorie

Tag più utilizzati

Archivio mesi

 

Carnevale a Venezia: Volo dell' Angelo una tradizione centenaria

Immagine principale

In un'edizione del Carnevale verso la metà del Cinquecento, tra le varie manifestazioni e spettacoli organizzati in città, fu realizzato un evento straordinario che fece molto scalpore: un giovane acrobata turco riuscì, con il solo ausilio di un bilanciere, ad arrivare alla cella  ccampanaria del campanile di San Marco camminando, nel frastuono della folla sottostante in delirio, sopra una lunghissima corda che partiva da una barca ancorata sul molo della Piazzetta. Nella discesa, invece, raggiunse la balconata del Palazzo Ducale, porgendo gli omaggi al Doge.

Dopo il successo di questa spettacolare impresa, subito denominata Svolo del turco, l'evento, che solitamente si svolgeva il Giovedì Grasso, fu richiesto e programmato come cerimonia ufficiale anche per le successive edizioni, con tecniche simili e con forme che con gli anni subirono numerose varianti.

Per molti anni lo spettacolo, mantenendo lo stesso nome, vide esibirsi solo funamboli di professione, finché non si cimentarono nell'impresa anche giovani veneziani, dando prova di abilità e coraggio con varie spericolatezze e variazioni sul tema.

Quando queste variazioni portarono a prevedere, per lunghi anni di seguito, un uomo dotato di ali ed appeso con degli anelli alla corda, issato e fatto scendere a gran velocità lungo la fune, si coniò il nuovo termine di Volo dell'Angelo. Il prescelto, al termine della discesa nel loggione di Palazzo Ducale, riceveva sempre dalle mani del Doge dei doni o delle somme in denaro. Vi furono alcune edizioni che videro gli acrobati utilizzare per i loro spettacoli degli animali, barche e varie altre figure, oltre a rendere l'impresa sempre più difficile con ardite evoluzioni e anche svoli collettivi.

Nel 1759, l'esibizione finì in tragedia: ad un certo punto, l'acrobata si schiantò al suolo tra la folla inorridita. Probabilmente a causa di questo grave incidente, l'evento, svolto con queste modalità, fu vietato. Da questo momento il programma si svolse sostituendo l'acrobata con una grande colomba di legno che nel suo tragitto, partendo sempre dal campanile, liberava sulla folla fiori e coriandoli. Dalla prima di queste edizioni, il nome di Volo dell'Angelo divenne quindi Volo della Colombina.

Tale evento, come la maggior parte delle altre ricorrenze e spettacoli, con la fine della storia millenaria della Serenissima si interruppe per un lungo periodo.

Nel Carnevale moderno si è deciso di ripresentare al pubblico, in una veste simile a quella originale dell'antico Carnevale, la ricorrenza del Volo dell'Angelo, nella sua variante di Volo della Colombina. Mentre in passato questo spettacolo veniva celebrato il giovedì Grasso, nelle edizioni moderne esso viene svolto generalmente a mezzogiorno della prima domenica di festa, come uno degli eventi di apertura che decretano ufficialmente l'inizio del Carnevale stesso. Sopra una folla festante, con lo sguardo rivolto al Campanile di San Marco, un uccello meccanico dalle sembianze di una colomba effettua, come un tempo, la sua discesa sulla corda verso il Palazzo Ducale. Arrivato circa a metà percorso, viene aperta una botola nella sua parte inferiore, che libera sulla Piazzetta gremita innumerevoli coriandoli e confetti o altri piccoli doni.

Dall'edizione del 2001, la prima del millennio, si è passati nuovamente alla vecchia formula del Volo dell'Angelo, sostituendo la Colombina con un artista in carne ed ossa. Il volo del 2001 venne affidato alla Compagnia dei Folli, che prestò una propria artista per l'evento. L'artista, assicurato a un cavo metallico, effettua la sua discesa dalla cella campanaria del campanile scorrendo lentamente verso terra, sospeso nel vuoto, sopra la moltitudine che riempie lo spazio sottostante.

Dal 2001 al 2010 i protagonisti del Volo dell’ Angelo furono personaggi dello Spettacolo, dello Sport, della Moda:

  • 2001 – Katiuscia Triberti (artista della Compagnia dei Folli e del Circo Triberti)
  • 2002 – Antonella Elia(attrice e showgirl)
  • 2003 – Frida Scarpa(schermitrice)
  • 2004 – Carlotta Mantovan(Miss Veneto 2001)
  • 2005 – Carolina Marconi(modella e attrice)
  • 2006 – Manuela Levorato(velocista)
  • 2007 – Federica Pellegrini(nuotatrice)
  • 2008 – Coolio(cantante)
  • 2009 – Margherita Maccapani Missoni(attrice)
  • 2010 – Bianca Brandolini d'Adda(modella)

 

Dall’ edizione 2011 a vestire i panni dell’ Angelo sarà invece la giovane ragazza veneziana che si è aggiudicata nell’ anno precedente il titolo di Maria del Carnevale:

  • 2011 – Silvia Bianchini (Maria dell'anno2010)
  • 2012 – Giulia Selero (Maria dell'anno2011)
  • 2013 – Marta Finotto (Maria dell'anno2012)
  • 2014 – Julia Nasi (Maria dell'anno2013)
  • 2015 – Marianna Serena (Maria dell'anno2014)
  • 2016 – Irene Rizzi (Maria dell'anno2015)
  • 2017 – Claudia Marchiori (Maria dell'anno2016)
  • 2018 – Elisa Costantini (Maria dell'anno2017)
  • 2019 – Erika Chia (Maria dell'anno2018)

 

Come da tradizione, sarà Linda Pani, la Maria vincitrice del Carnevale 2019, a lanciarsi dal campanile domenica 16 febbraio 2020, quando l’ emozionante volo dell’Angelo del Carnevale aprirà ufficialmente i festeggiamenti del Carnevale 2020 in Piazza San Marco.

 

INFO: Carnevale di Venezia www.carnevale.venezia.it

 



Photo album

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.

Luglio 2020

«««   »»»
DomLunMarMerGioVenSab
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Pagine più viste

  • Mostra 14^ Premio Arte Laguna
    Mostra 14^ Premio Arte Laguna

    Ritorna negli storici spazi dell'ARSENALE DI VENEZIA la mostra dei finalisti del Premio Arte Laguna. Dal 21 Marzo al 13 Aprile 2020 si potranno ammirare le 120 opere f...

     
  • Festa delle Marie 2020, Carnevale di Venezia
    Festa delle Marie 2020, Carnevale di Venezia

    Corteo e Festa delle Marie: a Venezia, tradizione e bellezza in festa in un contesto speciale quale il Carnevale, sabato 15 febbraio 2020.