Immagine principale

Palazzo Dario

Uno dei più bei palazzi sul Canal Grande è Palazzo Dario o Ca' Dario : sito sul lato destro, tra l'Accademia e la Salute, è inconfondibile.

 

Non troppo alto, leggermente inclinato verso destra, ha la bellissima facciata in pietra d'Istria, riccamente decorata da marmi policromi, caratterizzata da splendidi medaglioni circolari e sulla quale è in bella vista la grande iscrizione: genio urbis Joannes ,  voluta da Giovanni Dario, il primo proprietario, per omaggiare il " genio " della città. 

 

Gli alti camini nel tipico stile veneziano sono tra i pochi esempi originari dell'epoca sopravvissuti fino a oggi.

 

Il palazzo è uno dei più bei capolavori del Rinascimento veneziano, dove la fantasia e l'rrazionalità hanno prevalso sulle rigide norme architettoniche.

 

 Venne costruito su un preesitente edificio gotico, di cui conserva visibili le caratteristiche, con ogni probabilità su disegno dello stesso Giovanni Dario, attorno al 1487 e decorato da artisti della scuola di Pietro Lombardo.

 

Giovanni Dario svolgeva importanti affari in seno alla Serenissima:  fu mercante, notaio della Cancelleria Ducale e Segretario ducale  , ma anche " salvatore della patria ", fu lui infatti che, con pieni poteri, riuscì a negoziare un accordo di pace col sultano Mehmet II nel 1479, in un periodo di gravissima crisi militare e politica con i Turchi.

 

Fama, onore e denaro gli permisero di far edificare questa lussuosa dimora.

 

Alla sua morte il palazzo passò in eredità alla figlia Marietta, andata sposa a Vincenzo Barbaro e da questa al figlio Gasparo. Il palazzo restò della famiglia Barbaro fino all'inizio dell'Ottocento per poi passare da proprietario in proprietario.

 

Contrasta con la sua fama di " uno dei più bei palazzi di Venezia " una oscura fama di " palazzo sfortunato " legata al tragico destino che ha accomunato molti dei suoi proprietari.

 

 

 

** Palazzo Dario - Cà Dario

- Sestiere di Dorsoduro - Venezia

 

 



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.