Immagine principale

Museo Diocesano d'Arte Sacra

Tra le gemme architettoniche di Venezia, il chiostro di Sant'Apollonia è l'unico edificio romano ancora esistente in città.

 

Il monastero di Sant'Apollonia, eretto tra il XII e XIII secolo, era un tempo la residenza dei monaci benedettini, ma ne sono stati fatti anche diversi usi non ecclesiastici.

Proprietà della Diocesi di Venezia, nel 1976 il suo chiostro è divenuto la sede del Museo Diocesano d'Arte Sacra, promosso dal patriarca di Venezia Albino Luciani, futuro Papa Giovanni Paolo I, per raccogliere le opere d'arte di chiese chiuse o sconsacrate.

 

Il complesso monumentale è ora sede del Lapidario Marciano, del Museo Diocesano d'Arte Sacra e dell' Archivio Storico Patriarcale.

 

La ricca e prestigiosa raccolta comprende una collezione di dipinti, una collezione orafa, una collezione di opere lignee, Statue di Madonne vestite, una collezione di dipinti di arte contemporanea, sculture marmoree, Paramenti, Aste processionali, Corali, Mariole e Lezionari.

 

Due laboratori interni impiegano personale volontario per il restauro di dipinti e sculture.

 

Tra le maggiori opere in mostra permanente si contano dipinti di Luca Giordano, provenienti dalla chiesa di Sant'Aponal, e un tabernacolo del XVI secolo in legno e cristallo.

 

 

 

** Museo Diocesano d'Arte Sacra di Sant'Apollonia

- Castello 4312, 30122 Venezia

- Tel./Fax: +39 041 5229166

- www.museodiocesanovenezia.it / [email protected]



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.