Immagine principale

Museo Archeologico

Ospitato in alcune sale della Libreria Sansoviniana e delle Procuratie Nuove, il Museo Archeologico Nazionale di Venezia è un tranquillo rifugio dal trambusto di San Marco.

 

L'esistenza della collezione è dovuta alla generosità di Domenico Grimani, figlio  del doge Antonio Grimani, che nel 1523 lasciò in eredità alla Serenissima tutte le sculture greche e romane in suo possesso, oltre alla sua biblioteca.

Il patrimonio del museo si arricchì successivamente con vari altri lasciti. In esso ha sistemazione anche una parte del cospicuo patrimonio artistico della collezione Correr.

 

Il Museo è custode e sede espositiva di straordinarie collezioni. La collezione lapidea, la collezione numismatica, la collezione glittica e la collezione ceramica propongono un'appassionante itinerario alla scoperta dell'arte e della storia.

 

Vi è conservata un'importante collezione di carattere assai vario che spazia dalle sculture greche e romane alle statuette in terracotta, dai piccoli bronzi agli avori, dalle gemme alle monete.

Di grande interesse sono le statue greche del V secolo  a.C. e la serie dei busti romani tra cui il celebre Vitellius.

Oltre a una collezione di ceramiche di epoca neolitica, il museo offre all'attenzione del visitatore anche una serie di statuette e di rilievi egiziani e assiro-babilonesi e alcune mummie.

 

 

** Museo Archeologico Nazionale di Venezia

- San Marco, 42 - 30124 Venezia

- Tel/Fax: 041 5225978 - [email protected]



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.