Immagine principale

La Pala d'Oro

La Pala d'Oro è uno dei più importanti monumenti dell'oreficeria gotica veneziana.

 

La pala è rettangolare ( 348x140 cm. ) e adorna l'altare maggiore della basilica di San Marco.

 

La Pala d'Oro venne ordinata, per abbellire e impreziosire la chiesa di San Marco, dal doge Pietro Orseolo I ( 876-878 ). Fu successivamente rimaneggiata e ulteriormente arricchita per volontà dei dogi Ordelaf Falier nel 1105 e Pietro Ziani nel 1209 e le venne infine data la forma odierna nel 1345 ad opera dell'artista Giampaolo Boninsegna.

 

La pala d'Oro è ricca di gemme, pietre preziose , ori e smalti, quasi tutti bizantini, molti dei quali provenienti dal monastero del Pantocrator e portati a Venezia nel 1204 al tempo della IV Crociata.

 

E' divisa in due parti e comprende oltre ottanta smalti. Tutti, tranne i diciotto piccoli della parte inferiore, sono a soggetto religioso, illustranti episodi della vita di Cristo e san Marco.

 

Un tempo, nei giorni feriali, la pala era protetta da una tavola dipinta a comparti da Paolo Veneziano e dai figli Luca e Giovanni, risalente al 1345.

 

Questo prezioso esemplare di pittura veneziana del Trecento è oggi conservato al  Museo Marciano.



Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.