Immagine principale

Basilica dei S.S. Maria e Donato - Murano

L'attrattiva architettonica dell'isola di Murano è la Basilica dei Santi Maria e Donato, la cui magnifica abside ricca di colonne e archi si riflette nel canale di San Donato.


Nonostante alcuni lavori di restauro troppo evidenti effettuati nel XIX secolo, questa chiesa del XII secolo conserva ancora molta della sua bellezza originaria.

L'esterno della basilica è abbellito da un'abside ben più nota, e mille volte più fotografata, della facciata, che è nascosta, non affacciandosi sulle fondamenta, da cui normalmente si arriva.


L'abside, ricchissima di elementi decorativi, è un capolavoro dell'arte veneto-bizantina del XII sec. A pianta semicircolare, poggia su un finto porticato, il cui motivo è ripreso dalla galleria superiore. La facciata è invece semplicissima.


Molto antica è la fondazione della chiesa, costruita forse nel VII sec. da profughi altinati. Dedicata in un primo tempo a Maria, trovò, nel XII sec., un altro dedicatario in S.Donato quando accolse il corpo del santo, che arrivò da Cefalonia con.... quello che rimaneva del drago che aveva sconfitto, le cui ossa si trovano dietro l'altare. La Basilica è stata riedificata nell'aspetto attuale nel XII sec. Nel 1141 venne completato il pavimento a mosaico.


All'interno, in cui cinque colonne dai capitelli veneto-bizantini dividono le tre navate, colpirà sicuramente il pavimento musivo, che ricorda quello di S.Marco. Tra i mosaici,che includono anche tessere in vetro, ricchi di elementi decorativi, simbolici e animali, se ne scopra uno particolarmente significativo: è tra la seconda e la terza colonna a destra, e rappresenta due galli che reggono una volpe, a dimostrare la sconfitta dell'astuzia da parte della vigilanza.

Un bellissimo mosaico a fondo oro del XII secolo raffigurante la Vergine orante decora il catino dell'abside.

Nella navata di sinistra si noti S.Donato, ancona lignea attribuita a Paolo Veneziano, e, sopra la porta del battistero, una lunetta di Lazzaro Bastiani, raffigurante la Vergine col Putto in trono fra santi e il donatore Giovanni degli Angeli.

Il soffitto in legno è strutturato a carena di nave.





Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.